Pagina corrente

Ti trovi qui: Home » News ed Eventi » UN MILIARDO PER LA GIUSTIZIA

UN MILIARDO PER LA GIUSTIZIA

()

UN MILIARDO PER LA GIUSTIZIA fissa un nuovo appuntamento il 14 febbraio 2014 per manifestare insieme ancora una volta e chiedere giustizia affinché qualunque donna abbia il diritto di vivere al riparo dalla violenza e dall’abuso.

Le Nazioni Unite stimano che 1 donna su 3 sul pianeta sarà picchiata o stuprata nel corso della vita. Questo significa un miliardo di donne e bambine. Per chiedere che si ponesse fine a questa violenza, la scrittrice statunitense Eve Ensler, fondatrice del movimento V-Day e autrice de I monologhi della vagina, lanciò lo scorso anno la campagna One Billion Rising, dando vita, il 14 febbraio 2013, alla più grande manifestazione di massa nella storia dell’umanità, con oltre 10.000 eventi in tutto il mondo seguiti dai maggiori canali d’informazione, dal New York Times a The Guardian, da BBC a HBO (vedi www.onebillionrising.org)

Una nuova campagna internazionale, ONE BILLION RISING FOR JUSTICE – UN MILIARDO PER LA GIUSTIZIA, è fissata per il 14 febbraio 2014, quando le donne, gli uomini, i giovani di tutto il mondo si riuniranno davanti ai luoghi deputati a garantire giustizia in segno di sfida contro le ingiustizie subite dalle donne e per chiedere che si ponga fine alla violenza contro di loro. Attivisti e associazioni da 169 paesi nel mondo hanno già aderito per manifestare davanti a tribunali, istituzioni, posti di lavoro, università, scuole, strade e piazze.

“Immaginate un miliardo di persone che comunicano le proprie storie, che ballano e parlano ad alta voce nei luoghi deputati ad amministrare la giustizia”, ha detto la direttrice della campagna, Monique Wilson. “ONE BILLION RISING FOR JUSTICE è un invito a liberarsi dai confini, dagli obblighi, dalla vergogna, dal senso di colpa, dalla sofferenza, dall’umiliazione, dalla rabbia e dalla schiavitù. È un appello per promuovere una giustizia rivoluzionaria”.

Informazioni sulla pagina

Aggiornato il:
Stampa:
Stampa la pagina
Condividi: