Pagina corrente

Ti trovi qui: Home » Whistleblower – Segnalazione illeciti

Whistleblower – Segnalazione illeciti

La legge 6.11.2012, n. 190, “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione”, introduce, per la prima volta in Italia, una norma specificamente diretta alla regolamentazione del whistleblowing nell’ambito del pubblico impiego.

All’art. 1 – comma 51, dispone:

Dopo l’articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, è inserito il seguente:
«Art. 54-bis. – (Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti). – 1. Fuori dei casi di responsabilità a titolo di calunnia o diffamazione, ovvero per lo stesso titolo ai sensi dell’articolo 2043 del codice civile, il pubblico dipendente che denuncia all’autorità giudiziaria o alla Corte dei conti, ovvero riferisce al proprio superiore gerarchico condotte illecite di cui sia venuto a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro, non può essere sanzionato, licenziato o sottoposto ad una misura discriminatoria, diretta o indiretta, avente effetti sulle condizioni di lavoro per motivi collegati direttamente o indirettamente alla denuncia.

Ai sensi dell’art.13 del vigente Piano triennale prevenzione e corruzione:

Non saranno prese in considerazione segnalazioni anonime, a meno che non siano estremamente dettagliate e circostanziate … il segnalante deve qualificarsi con nome, cognome e qualifica, nella considerazione che la tutela, ai sensi dell’art.54 bis, è riconosciuta al dipendente pubblico e non a qualsiasi altro soggetto. E’ comunque facoltà del dipendente di trasmettere ogni segnalazione direttamente all’ANAC con le modalità previste dalla determinazione n.6/2015.


Le segnalazioni al Responsabile dell’Anticorruzione del Comune di Pescia dovranno essere inviate all’indirizzo
email whistleblower@comune.massa-e-cozzile.pt.it

Informazioni sulla pagina

Aggiornato il:
Stampa:
Stampa la pagina
Condividi: